Caramelle di datteri

INGREDIENTI QUANTITÀ in kg TECNICO DI CUCINA
Datteri 5 pezzi Mixer da cucina
Nocciole 1 cucchiaio
Noci 1 cucchiaio
Mandorle 1 cucchiaio
Burro vegetale non idrogenato 1 cucchiaio
Cacao 1 cucchiaino
Succo di agave 1 cucchiaio
Cocco grattugiato 0,100 gr

Tritare nel mixer tutti gli ingredienti,

porre in frigorifero per 2 ore,

ricavare delle palline da 2 cm di diametro,

rotolare le palline nel cocco grattugiato,

metter a riposare in frigorifero fino al momento di portare in tavola.

Dolce vegan/crudista da un suggerimento della mia amica Lia B.

preparato in occasione di un evento LAV-Lodi

  • Share/Bookmark

Benessere in cucina

ti piace la cucina vegetariana, ma hai ancora bisogno di qualcosa di più?

seguimi su

www.benessereincucina.it

da venerdì 30 ottobre le nuove lezioni

ti aspetto!

  • Share/Bookmark

MANGIA CHE TI FA BENE!

Ricevo dalla mia amica Marina questo bellissimo articolo, che ha pubblicato su di un giornale locale.La sua ricetta del Pane per la colazione è una sintesi perfetta del “Cucinando senza…..”

“Mangia, che ti fa bene”: quante volte da piccola me lo sono sentita dire da mia madre e poi a mia volta, da mamma, in quante occasioni ho incitato mia figlia a mangiare con questa frase…infinite!”Mangia, che ti fa bene”: e io guardavo un mestolo di pasta e fagioli o un piatto di risotto con la zucca, il pane giallo o la polentina con il latte della stalla, le polpette di marisan(melanzane) e le rape cotte con l’aceto, le barbabietole o ancora una cucchiaiata di mostarda nera, che Mentina coceva nel calderone della “corte grande”.I nostri genitori utilizzavano prodotti BIO ancor prima che il BIO fosse scoperto, si cucinava e si mangiava con quello che l’orto e la campagna fornivano a seconda della stagione…che nostalgia per quei sapori così rustici e veri e per quei cibi che davvero facevano bene!Se penso invece a quanto l’industria alimentare oggi ci offre sugli scaffali dei supermercati, nei fast food, nelle pizzerie e nei ristoranti…se penso a quanto trovo confezionato con l’etichetta “cibo” e a quanto poco ci sia, in queste confezioni, di cibo inteso come alimento per la vita, mi viene voglia di dire: “attenzione, non toccare, nuoce gravemente alla salute“.Per fare qualche esempio si può partire dagli alimenti più semplici: farina e zucchero.Le LINEE guida internazionali per il mantenimento dello stato di salute e la prevenzione del cancro (documento pubblicato nel 2007 dal Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro e dall’ Istituto Americano per la Ricerca sul Cancro, che riassume tutti i lavoro scientifici prodotti a livello mondiale sulla correlazione tra alimentazione - stile di vita e rischio di insorgenza delle malattie cronico degenerative) raccomandano, tra le altre cose, di assumere tutti i cereali allo stato integrale e di evitare l’utilizzo di farine e zuccheri raffinati, cioè la farina bianca e lo zucchero bianco che troviamo normalmente in commercio.Infatti le farine bianche sono prodotti “morti”, perché i cereali vengono lavorati in modo tale da privarli di zinco e manganese, elementi indispensabili per l’equilibrio del sistema nervoso.Anche lo zucchero bianco è il prodotto di una raffinazione che lo priva dei suoi nutrimenti indispensabili. Raffinato e sbiancato come il borotalco, entra immediatamente nel sangue provocando una richiesta di produzione abnorme di insulina da parte del pancreas, l’eccesso di insulina richiede poi il consumo di altro zucchero e si diventa inconsapevolmente “consumatori dipendenti di zucchero”. E il pancreas ne risulta affaticato con tutte le conseguenze del caso.Lo zucchero integrale ed il miele, invece, sono ricchi di vitamine, sali minerali e oligoelementi tra cui il cromo, e non provocano dipendenza, perché il cromo funge da moderatore e blocca la richiesta quando il nostro organismo ne ha a sufficienza.Per assurdo l’industria, per fini commerciali, da un lato toglie i nutrientiai cibi, rendendoli inerti e dannosi e dall’altro ci propone gli stessi nutrienti sotto forma di integratori.Io non sono una esperta di alimentazione, sono però convinta che le donne e gli uomini abbiano l’intelligenza per poter distinguere, fra tutto ciò che ci viene propinato, quali sono i nutrimenti che hanno effetti positivi sulla nostra salute. Inoltre in questo campo c’è una ricca letteratura scientifica alla quale si può fare riferimento. Cito ad esempio gli studi della dottoressa C. Kousmine, il cui principio essenziale è la cura del malato e non della malattia. Come dicevo non sono un’esperta, semplicemente penso che “il pasto sia un atto conviviale, una pausa saporita in un mondo dominato dallo stress”. Mi piace pensare alla naturacome linea guida della nostra vita e cerco di rispettarne tutte le forme, di trarre insegnamenti dal ciclo delle stagioni e di applicarli a tutti gli aspetti della vita, compreso quello alimentare.Dalla teoria alla pratica….Mangia che ti fa bene: IL PANE PER LA COLAZIONEÈ una valida alternativa a biscotti e fette biscottate prodotti industrialmente, spalmatelo con marmellata meglio se fatta in casa e servitelo con the verde o caffè.È un piacere per l’anima e per la mente, oltre che per la gola, se lo si prepara e lo si mangia in compagnia.Il nostro corpo e la nostra mente necessitano di nutrimento per funzionare al meglio ed in armonia.Se non vengono nutriti non funzionano. Se vengono mal nutriti di conseguenza mal funzionano.Cibo e stile di vita sono nutrimenti indispensabili.Ho tratto:- alcuni passaggi dal libro A tavola con il metodo Kousmine, S. Preney - B. Favre- la passione e gli insegnamenti dall’amica Jasmin (www.cucinandosenza.blogspot.com)

  • Share/Bookmark

IL PANE PER LA COLAZIONE

INGREDIENTI (li trovate a costo contenuto al G.A.S. Gruppo di Acquisto Solidale di Lodi oltre che nei negozi Bio):450 gr di farina integrale da agricoltura biologica macinata a pietra5 gr di sale marino integrale400 cc di latte intero1 limone da agricoltura biologica40 gr di semi di lino (di cui metà macinati)1 manciata di semi di finocchio1 cucchiaio di olio EVO (Extra Vergine di Oliva)1 bustina di cremor tartaro o 1 cucchiaino di bicarbonato.PREPARAZIONE:Spremere il limone, versarne il succo nel latte intero e lasciarlo riposare per circa 30 minuti, intanto accendere il forno e portarlo a 210°.In una marmitta versare la farina, il sale, i semi, il cremor tartaro (o il bicarbonato) e miscelarli bene fra loro; aggiungere poi il latte che si è nel frattempo addensato e l’olio.Mescolare con un cucchiaio di legno senza impastare con le mani: il risultato sarà una specie di pastone.Versare il pastone in una forma per il plum kake foderata di carta da forno; praticate con un coltello un taglio orizzontale e introducete il pane in forno. Ci deve stare per 45 minuti.Al termine ponete il pane su una gratella e lasciatelo riposare.È una valida alternativa a biscotti e fette biscottate prodotti industrialmente, spalmatelo con marmellata meglio se fatta in casa e servitelo con the verde o caffè.È un piacere per l’anima e per la mente, oltre che per la gola, se lo si prepara e lo si mangia in compagnia.

  • Share/Bookmark

corsi di cucina 2009/2010

Cucinando senza…..
Corso di cucina vegetariana e bioetica


_____________________________________________________

Benessere in cucina
la menopausa
corso di cucina dedicato alle donne in menopausa e alle loro famiglie

  • Share/Bookmark

Bad Behavior has blocked 126 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail