omaggio a Alda Merini, poetessa che mi ha toccato il cuore

(Sono una piccola ape furibonda.)

Mi piace cambiare di colore.
Mi piace cambiare di misura.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Spazio

Spazio spazio io voglio, tanto spazio
per dolcissima muovermi ferita;
voglio spazio per cantare crescere
errare e saltare il fosso
della divina sapienza.
Spazio datemi spazio
ch’io lanci un urlo inumano,
quell’urlo di silenzio negli anni
che ho toccato con mano.

 

 

A tutte le donne

Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso

sei un granello di colpa

anche agli occhi di Dio

malgrado le tue sante guerre

per l’emancipazione.

Spaccarono la tua bellezza

e rimane uno scheletro d’amore

che però grida ancora vendetta

e soltanto tu riesci

ancora a piangere,

poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,

poi ti volti e non sai ancora dire

e taci meravigliata

e allora diventi grande come la terra

e innalzi il tuo canto d’amore.

 

 

 

 

 

  • Share/Bookmark

Replica a questo articolo

Bad Behavior has blocked 85 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail