Muffins con pezzetti di cioccolato

Mi preparo la colazione!

La ricetta dei muffins al cioccolato permette l’uso della farina semi-integrale di tipo 2. Questa farina (soprattutto se molita a pietra) permette ai bambini di assumere una buona quantità di fibre, di solito scarse nella loro alimentazione, che migliora la loro funzionalità intestinale.

la ricetta:

  • Share/Bookmark

Il Pranzo di Natale

Suggerimenti per un pranzo di Natale vegetariano li possiamo trovare nella cena che ho organizzato di recente per A.Di.Ca onlus.
Qui di seguito potete trovare i link alle pagine che illustrano le ricette proposte e indicazioni per eseguirle al meglio.
Il menù proposto è stato:

Antipasti di bignè e pasticceria fine, 
Zuppetta di zucca speziata, 
Tagliatelle profumate alle castagne con ragù di seitan, 
Fritto misto, 
Caramelle di datteri con bicchierino di Natale

I bignè sono stati farciti con una crema composta da una besciamella al 50% e formaggio a piacere al 50%); la crema al gorgonzola è stata valorizzata con gheriglio di noci mentre quella con formaggio di capra è stata valorizzata da una sbriciolatura di croccante di sesamo.
I biscotti sono stati realizzati con un formaggio tipo gruyere, ma sono ottimi anche con una caciotta affumicata.
La crema di tofu dal gusto frizzante è quella con le noci.
La Zuppetta di zucca è stata realizzata soffriggendo lo scalogno, aggiungendo poi la zucca e le patate e cotta per un’ora con un buon brodo di verdura. Alla fine l’abbiamo speziata con cannella e cumino in polvere tostati.
Per le tagliatelle di castagne e il ragù di seitan abbiamo seguito le ricette del blog.
Il fritto misto era composto da straccetti di muscolo di grano e tocchetti di tofu con una pastella di ceci secondo questa ricetta.
Le caramelle di datteri e frutta secca (non potete non presentarle come dolce di Natale perché sono “una tira l’altra”).
E, infine, il bicchierino l’abbiamo realizzato con una bavarese all’arancia con un cucchiaio di ganasce al cioccolato fondente sul fondo e una sbriciolata di panettone tostato a guarnire.
Auguro a tutti un Natale senza crudeltà!
Per le ricette ringrazio GialloZafferano e Idolcidipinella fonti di ineguagliabili ispirazioni e consigli
  • Share/Bookmark

Cena di Natale

L’invito è per essere vegetariani per un giorno, magari un giorno importante come il Natale. Uscire dagli schemi della grande abbuffata per dedicarci a preparazioni preziose come i bignè, i biscottini e la pasta fresca con la farina di castagne e il ragù. Ritagliarci del tempo per preparare per i nostri cari un menù rispettoso della stagionalità (per favore niente fragole e ciliege!) e senza crudeltà.
Questo mi ha ispirato per il menù che propongo alla cena di natale di A.Di.Ca. Onlus. Spero vorrete imitarmi e raccontarmi poi come è andata.

  • Share/Bookmark

Caramelle di datteri

INGREDIENTI QUANTITÀ in kg TECNICO DI CUCINA
Datteri 5 pezzi Mixer da cucina
Nocciole 1 cucchiaio
Noci 1 cucchiaio
Mandorle 1 cucchiaio
Burro vegetale non idrogenato 1 cucchiaio
Cacao 1 cucchiaino
Succo di agave 1 cucchiaio
Cocco grattugiato 0,100 gr

Tritare nel mixer tutti gli ingredienti,

porre in frigorifero per 2 ore,

ricavare delle palline da 2 cm di diametro,

rotolare le palline nel cocco grattugiato,

metter a riposare in frigorifero fino al momento di portare in tavola.

Dolce vegan/crudista da un suggerimento della mia amica Lia B.

preparato in occasione di un evento LAV-Lodi

  • Share/Bookmark

Cudduri Cu l’Ova (Ciambella Pasquale Siciliana)


INGREDIENTI

QUANTITÀ in kg

TECNICO DI CUCINA

Farina 00

0,500

Mixer da cucina

Zucchero

0,150

Carta forno

100 di burro

0,100

Teglia bassa

Bustina di lievito vanigliato

Latte

0,100

Arancia BIO

Acqua di fiori d’arancio

1 cucchiaio

Uova BIO.

4+4

Codette colorate

q.b.

Zucchero a velo

q.b.

Sale

1 pizzico

Mettere a bollire 4 uova per 7 minuti e far raffreddare.

Nel frattempo mettere nel robot da cucina lo zucchero e il burro già tagliato a pezzetti, montare accuratamente.

Aggiungere le uova, l’acqua di fiori d’arancio, il latte continuando a miscelare.

Aggiungere la scorza d’arancia grattugiata e il succo dell’arancia.

Setacciare la farina con il lievito e il sale e aggiungerla al composto a cucchiaiate a velocità media.

Si deve ottenere un impasto dalla consistenza adatta a essere sagomato.

Tenere da parte un po’ di pasta per fissare le uova.

Preparare una grande teglia bassa coperta di carta forno.

Dare all’impasto la forma preferita: cestino, agnello, colomba, ecc) dello spessore di circa 1,5 cm

Con il dorso di un cucchiaio creare delle buchette in cui adagiare 3 uova (per tradizione le uova devono essere sempre dispari.)

Con la pasta avanzata creare dei nastrini per fissare le uova sode con un incrocio.

Sbattere bene l’uovo rimasto e spennellare la superficie, decorare con le codette colorate.

Cuocere in forno già caldo (180°) per 30 minuti. Controllare la cottura con uno stuzzicadenti.

Guarnire con lo zucchero a velo a piacere

  • Share/Bookmark

Torta Paradiso

 

INGREDIENTI QUANTITÀ in kg TECNICO DI CUCINA
burro 0,300 Impastatore o mixer
lievito 1 Teglia sganciabile da 26 cm
Farina 150 Carta forno
Arancia BIO 1  
Zucchero 300  
Fecola 150  
Uova 8 .

Estrarre il burro da frigorifero 1 ora prima

 Preparare 4 albumi in una ciotola

 Montare nell’impastatore il burro con lo zucchero, quando sono ben amalgamati aggiungere 8 tuorli.

 Continuare a montare fino ad ottenere un impasto chiaro e spumoso.

 Aggiungere la buccia di arancia grattugiata.

 Setacciare, in una ciotola, le farine ed il lievito

 Aggiungerle, a cucchiaiate, al composto nel mixer, facendolo funzionare a bassa velocità.

 Montare a neve gli albumi, devono comunque essere montati un po’ morbidi per facilitare l’inserimento

 Quando le farine sono ben amalgamate incorporare delicatamente gli albumi (meglio se a mano, ricordandosi che il movimento deve essere dall’alto verso il basso, con una spatola).

 Bagnate un foglio di carta forno, strizzatelo bene e, delicatamente, foderate la tortiera stendendo bene le pieghe.

 Versare l’impasto e livellare delicatamente con una spatola.

 Porre nel forno preriscaldato a 180°, per 50 minuti.

 Controllate la cottura dopo 45 minuti inserendo nella torta uno stuzzicadenti controllando se è asciutto.

 È importante controllare bene la temperatura del forno perché questa torta tende a scurirsi molto sul fondo nei forni tradizionali, meglio quindi qualche grado in meno ed eventualmente prolungare la cottura di 5 minuti.

 Durante la cottura, la torta si gonfia molto, tornando poi ad appiattirsi, senza per questo precluderne la sofficità.

 È una torta molto ricca di sapore. Importante, può essere servita semplicemente con della panna appena montata e una spolverata di zucchero a velo e cacao, oppure farcita con della marmellata d’arance o, ancora, servita in trancetti su un piccolo letto di ganasce al cioccolato fondente.

  • Share/Bookmark

Crema dolce di azuki


INGREDIENTI

QUANTITÀ in kg

TECNICO DI CUCINA

AZUKI

0,300

Frullatore ad immersione

ZUCCHERO

0,300

Casseruola a fondo spesso

PINOLI

0,30

Lavare gli azuki e metteteli a bagno nell’acqua per una notte.

Getta l’acqua di ammollo, mettere gli azuki con nuova acqua in una pentola e portare a bollore: quando cominciano a schiumare, scolarli, poi rimetterli nella stessa casseruola con acqua fresca e ricominciate a cuocerli finché non diventano morbidi.

A questo punto scolarli e ridurli in purè con un frullatore a immersione o robot da cucina.

Rimettere il purè di azuki e lo zucchero in una pentola, e cuocerli a fuoco molto basso, mescolando di continuo con un cucchiaio di legno, finché la crema si addensa a sufficienza (per verificarlo, prenderne un cucchiaio e, rovesciarlo, la crema deve cascare tutta insieme).

Lasciar raffreddare.

Fare delle palline, schiacciarle leggermente a appoggiarvi sopra dei pinoli tostati e tritati o castagne lessate e sbriciolate.

  • Share/Bookmark

Scorzette candite


INGREDIENTI

QUANTITÀ in kg

TECNICO DI CUCINA

Agrumi naturali e a buccia ben grossa

A piacere

un tegame basso e largo

zucchero: uguale al peso delle scorze bagnate

A piacere

un coltello affilato

acqua q.b

A piacere

una gratella per asciugare i canditi

  • Mettere le scorze in acqua fredda per 48 ore cambiandola 2 o più volte al giorno
  • Fare bollire la scorza per 40 minuti
  • Mettere sul fuoco, in un tegame largo (e’ importante che le scorze si sovrappongano il meno possibile) con un bicchiere di acqua e zucchero
  • Portare a bollore (piano), far sobbollire (molto lentamente) per una decina di minuti e spegnere. Coprire e lasciar raffreddare. Ripetere per almeno due volte al giorno per tre- quattro giorni (finche’ le scorze non saranno diventate traslucide) oppure quattro – cinque volte al giorno per 2 giorni.
  • Tirarle fuori dallo sciroppo avanzato (che, diluito, e’ ottimo per bagnare le torte) e metterle ad asciugare su una gratella.
  • Dopo un po’, quando saranno ben sgocciolate, passarle nello zucchero e rimetterle sulla gratella, in un posto asciutto, finche’ non saranno perfettamente asciutte (ci vorranno un paio di giorni, piu’ o meno).
  • Custodirle in un vaso di vetro
  • Share/Bookmark

Pane coi fichi


INGREDIENTI

QUANTITÀ in kg

TECNICO DI CUCINA

Farina 0

0,150

Stampo da plum-cake

Farina integrale BIO

0,100

Robot da cucina

fichi secchi

0,100

con lama per impastare

Yogurt intero bianco BIO

0,100

mortaio

Pinoli

0,030

Uova

2

Succo e zeste di 1 arancia

0,070

Zucchero di canna

1 cucchiaio

Lievito per dolci

1 bustina

Alloro

2 foglie

Cardamomo

6 bacche

  • Tritare i fichi grossolanamente:, mettere da parte.
  • Imburrare e infarinare uno stampo da plum-cake.
  • In una ciotola mescolare tutti gli ingredienti secchi (farine, zucchero, fichi, zeste, pinoli), compreso il lievito, il cardamomo sbucciato e pestato finemente, l’alloro a pezzettini.
  • Mettere nel robot tutti gli ingredienti liquidi (yogurt, succo d’arancia, uova) e miscelare.
  • Aggiungere gli ingredienti secchi, far impastare velocemente. L’impasto deve risultare molto morbido.
  • Versare l’impasto nello stampo imburrato e infarinato (oppure foderato con carta forno).
  • Cuocere in forno caldo a 180° per 30 minuti circa.
  • Controllare la cottura del pane con uno stecchino di legno (infilare nel centro del pane e verificare se ne esce asciutto e pulito).
  • Servire con formaggi stagionati

  • Perfetto anche per una colazione con frutta cotta e the nero darjeeling

  • Share/Bookmark

Panpepato facile


INGREDIENTI

QUANTITÀ in kg

TECNICO DI CUCINA

Farina 0

0,250

Stampo da plum-cake

Farina integrale BIO

0,150

Robot da cucina

Yogurt intero bianco BIO

0,150

Bastardella o ciotolona

Uova

2

mortaio

Succo e zeste di 1 arancia

0,070

Zucchero di canna

0,100

Lievito per dolci

1 bustina

Cannella in polvere

1 cucchiaino

Zenzero in polvere

1 cucchiaino

Chiodi d garofano macinati

1 cucchiaino

Pepe macinato fresco

3 pizzichi

Noce moscata

una grattugiatina

  • Imburrare e infarinare uno stampo da plum-cake.
  • Pestare i chiodi di garofano nel mortaio fini, fini.
  • In una ciotola mescolare tutti gli ingredienti secchi (farine, zucchero, zeste, spezie), compreso il lievito.
  • Mettere nel robot tutti gli ingredienti liquidi (yogurt, succo d’arancia, uova) e miscelare.
  • Aggiungere gli ingredienti secchi, far impastare velocemente. L’impasto deve risultare morbido.
  • Versare l’impasto nello stampo imburrato e infarinato (oppure foderato con carta forno).
  • Cuocere in forno caldo a 180° per 45 minuti circa.
  • Controllare la cottura del pane con uno stecchino di legno (infilare nel centro del pane e verificare se ne esce asciutto e pulito).
  • Estrarre il pane dallo stampo e rimetterlo nel forno spento per 5 minuti.
  • Far raffreddare, avvolgere in un foglio di alluminio e consumare dal giorno successivo, questo passaggio permette agli aromi delle spezie di sprigionarsi in tutto il pane.

  • Share/Bookmark

Bad Behavior has blocked 45 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail