Il Pranzo di Natale

Suggerimenti per un pranzo di Natale vegetariano li possiamo trovare nella cena che ho organizzato di recente per A.Di.Ca onlus.
Qui di seguito potete trovare i link alle pagine che illustrano le ricette proposte e indicazioni per eseguirle al meglio.
Il menù proposto è stato:

Antipasti di bignè e pasticceria fine, 
Zuppetta di zucca speziata, 
Tagliatelle profumate alle castagne con ragù di seitan, 
Fritto misto, 
Caramelle di datteri con bicchierino di Natale

I bignè sono stati farciti con una crema composta da una besciamella al 50% e formaggio a piacere al 50%); la crema al gorgonzola è stata valorizzata con gheriglio di noci mentre quella con formaggio di capra è stata valorizzata da una sbriciolatura di croccante di sesamo.
I biscotti sono stati realizzati con un formaggio tipo gruyere, ma sono ottimi anche con una caciotta affumicata.
La crema di tofu dal gusto frizzante è quella con le noci.
La Zuppetta di zucca è stata realizzata soffriggendo lo scalogno, aggiungendo poi la zucca e le patate e cotta per un’ora con un buon brodo di verdura. Alla fine l’abbiamo speziata con cannella e cumino in polvere tostati.
Per le tagliatelle di castagne e il ragù di seitan abbiamo seguito le ricette del blog.
Il fritto misto era composto da straccetti di muscolo di grano e tocchetti di tofu con una pastella di ceci secondo questa ricetta.
Le caramelle di datteri e frutta secca (non potete non presentarle come dolce di Natale perché sono “una tira l’altra”).
E, infine, il bicchierino l’abbiamo realizzato con una bavarese all’arancia con un cucchiaio di ganasce al cioccolato fondente sul fondo e una sbriciolata di panettone tostato a guarnire.
Auguro a tutti un Natale senza crudeltà!
Per le ricette ringrazio GialloZafferano e Idolcidipinella fonti di ineguagliabili ispirazioni e consigli
  • Share/Bookmark

19 novembre: Gulasch vegetariano con spaetzli

gnocchetti.JPG

Il seitan e il muscolo di grano sono particolarmente indicati per le preparazioni “sugose” perché assorbono molto bene i sapori e hanno una gradevole consistenza.
Nella preparazione del Gulasch abbiamo optato per la versione “straccetti” di muscolo di grano che, oltre ad essere già tagiata a pezzetti, ha una gradevole aromatizzazione, leggermente piccante, che ben si sposa con la paprika.
Naturalmente non potevamo non servire il Gulasch senza gli Spaetzli, i tipici gnocchetti tirolesi preparati con uova, farina e latte. Straordinari nella facilità di preparazione ci permettono di stupire gli ospiti con i pochi ingredienti che abbiamo sempre in casa.
Sono poi un piatto ideale per i bambini perché la loro consistenza morbida li rende gradevole anche ai più piccoli. Da provare assolutamente!

  • Share/Bookmark

Cena di Natale

L’invito è per essere vegetariani per un giorno, magari un giorno importante come il Natale. Uscire dagli schemi della grande abbuffata per dedicarci a preparazioni preziose come i bignè, i biscottini e la pasta fresca con la farina di castagne e il ragù. Ritagliarci del tempo per preparare per i nostri cari un menù rispettoso della stagionalità (per favore niente fragole e ciliege!) e senza crudeltà.
Questo mi ha ispirato per il menù che propongo alla cena di natale di A.Di.Ca. Onlus. Spero vorrete imitarmi e raccontarmi poi come è andata.

  • Share/Bookmark

Doratine di seitan


INGREDIENTI

QUANTITÀ in kg

TECNICO DI CUCINA

Seitan in panetti

0,400

WOK

Farina di ceci

0,200

Schiumarola di rete fine

Olio di arachidi

0,500

Coltelli verdura

Acqua

0,250

Salsa di soia bio

q.b.

Cumino in polvere

Un pizzico

Pepe in polvere

Un pizzico

Zenzero in polvere

Un pizzico

Sale

q.b.

Tagliare il seitan a tocchetti di circa 2 cm di lato

Metterlo a marinare in un piatto, in unico strato, con salsa di soia bio

Preparare la pastella con la farina di ceci, le spezie, il sale, mescolandola bene con il frullatore ad immersione e farla riposare almeno 30 minuti

Versare l’olio di arachidi nel WOK (che, con la sua forma concava permette di figgere utilizzando meno olio)

Immergere uno stuzzicadenti per verificare la temperatura (quando fa le bollicine l’olio è pronto)

Passare i pezzetti di seitan, scolati, nella pastella e friggerli fino a che saranno dorati. Pulite molto bene l’olio tra un’immersione e l’altra.

Servirli con foglie di insalata croccante condita con olio, limone e poca senape. Oppure con un frullato di pomodoro (passata bio, zenzero, sale e pepe)

Se vi avanza della pastella tagliate degli anelli di cipolla (in quantità adeguata all’avanzo), passateli nella pastella e friggeteli nell’olio fino a doratura, saranno un accompagnamento perfetto al fritto.

  • Share/Bookmark

Gulash vegetariano


INGREDIENTI

QUANTITÀ in kg

TECNICO DI CUCINA

Seitan BIO artigianale

0,400

Casseruola

4 cipolle

0,400

Coltelli verdura

Paprika 1 cucchiaio

0,020

Cumino

0,005

Maggiorana

0,020

Farina 1 cucchiaio

0,020

Doppio concentrato di pomodoro

0,050

Brodo vegetale

1 litro

Olio EVO

0,100

Sale e pepe q.b.

Mondare le cipolle, quindi tritarle grossolanamente e metterle ad appassire con un filo d’olio in una casseruola.

Quando le cipolle si saranno diventate traslucide unite il Seitan e rosolare il tutto a fuoco moderato per pochi minuti.

Aggiungete lo spicchio d’aglio, il cumino in polvere, le foglioline di maggiorana e la paprika, salate e pepate.

Lasciate cuocere per un quarto d’ora a fuoco moderato e poi setacciate farina, mescolando bene il tutto molto bene per non formare grumi.

Coprite con il brodo.

Coprite la casseruola con un coperchio e fate cuocere il tutto a fuoco lento per circa mezzora, controllare, di tanto in tanto, che non necessiti altro brodo. Fate cuocere finché il sughetto di cottura sarà ben legato. Aggiungere una cucchiaiata di panna acida nel piatto.

Servire con riso integrale o polenta o spaeztli.

Si può arricchire con patate o peperoni.

  • Share/Bookmark

Speidini di cavolini di bruxelles e seitan


INGREDIENTI

QUANTITÀ in kg

TECNICO DI CUCINA

Seitan

0,250

Brasiera

cavolini di Bruxelles

0,500

Coltelli verdura

Limoni

0,200

Spiedini di legno

Olio EVO BIO

0,100

Contenitore piatto per marinatura

Aglio

0,040

zenzero

0,050

Coriandolo

0,020

Malto di riso

0,040

___

Preparate la marinata miscelando bene il succo dei limoni con olio, acqua, malto di riso, aglio, coriandolo e zenzero.
Su uno spiedino infilate il seitan fatto a quadrotti e i cavolini tagliati a metà o lasciati interi se piccolini.

(consiglio: cercare di levare il più possibile il torsolo ai cavolini senza farli disfare)

Immergeteli nella marinata e lasciateveli per almeno 5 ore rigirandoli di tanto in tanto.
Filtrate la marinata, poi mettetela in una pirofila insieme agli spiedini e fate cuocere per 20/30 minuti a 180°.

ricetta ispirata da “la cuoca petulante”

  • Share/Bookmark

Ragù vegetariano

-


INGREDIENTI

QUANTITÀ in kg

TECNICO DI CUCINA

Scalogno

0.200

Pentola a fondo spesso

Carote

0.200

Coltelli verdure

Sedano

0.100

Tagliere

Pomodori pelati

0.300

Robot da cucina

Porro

0.200

Seitan artigianale

0.250

Vino bianco o rosso a piacere

1/2 bicchiere

Salvia, rosmarino, timo

q.b.

Olio EVO

0.050 gr

Sale. pepe

q.b.

-

Fa rosolare delicatamente lo scalogno e il porro affettato

Aggiungere le altre verdure tritate grossolanamente e rosolare appena

Tritare il seitan a coltello o (se si desidera una consistenza più fine) con un robot da cucina e aggiungerlo alle verdure rosolate

Versare il vino e far evaporare a fuoco vivace mescolando continuamente

Tagliare i pelati a pezzi ed unirli nella pentola con il loro sugo di governo

Far prendere bollore, poi abbassare il fuoco e cuocere molto lentamente per 40′, mescolando di tanto in tanto

Aggiungere le erbe aromatiche, sale e pepe e cuocere per altri 5 minuti

Servire eventualmente con parmigiano reggiano grattugiato e un filo di olio EVO

Questo ragù è ottimo anche per un aperitivo servito su bruschettine di pane integrale tostato

  • Share/Bookmark

Il Pranzo di Natale

Suggerimenti per un pranzo di Natale vegetariano li possiamo trovare nella cena che ho organizzato di recente per A.Di.Ca onlus.
Qui di seguito potete trovare i link alle pagine che illustrano le ricette proposte e indicazioni per eseguirle al meglio.
Il menù proposto è stato:

Antipasti di bignè e pasticceria fine, 
Zuppetta di zucca speziata, 
Tagliatelle profumate alle castagne con ragù di seitan, 
Fritto misto, 
Caramelle di datteri con bicchierino di Natale

I bignè sono stati farciti con una crema composta da una besciamella al 50% e formaggio a piacere al 50%); la crema al gorgonzola è stata valorizzata con gheriglio di noci mentre quella con formaggio di capra è stata valorizzata da una sbriciolatura di croccante di sesamo.
I biscotti sono stati realizzati con un formaggio tipo gruyere, ma sono ottimi anche con una caciotta affumicata.
La crema di tofu dal gusto frizzante è quella con le noci.
La Zuppetta di zucca è stata realizzata soffriggendo lo scalogno, aggiungendo poi la zucca e le patate e cotta per un’ora con un buon brodo di verdura. Alla fine l’abbiamo speziata con cannella e cumino in polvere tostati.
Per le tagliatelle di castagne e il ragù di seitan abbiamo seguito le ricette del blog.
Il fritto misto era composto da straccetti di muscolo di grano e tocchetti di tofu con una pastella di ceci secondo questa ricetta.
Le caramelle di datteri e frutta secca (non potete non presentarle come dolce di Natale perché sono “una tira l’altra”).
E, infine, il bicchierino l’abbiamo realizzato con una bavarese all’arancia con un cucchiaio di ganasce al cioccolato fondente sul fondo e una sbriciolata di panettone tostato a guarnire.
Auguro a tutti un Natale senza crudeltà!
Per le ricette ringrazio GialloZafferano e Idolcidipinella fonti di ineguagliabili ispirazioni e consigli
  • Share/Bookmark

Cena di Natale

L’invito è per essere vegetariani per un giorno, magari un giorno importante come il Natale. Uscire dagli schemi della grande abbuffata per dedicarci a preparazioni preziose come i bignè, i biscottini e la pasta fresca con la farina di castagne e il ragù. Ritagliarci del tempo per preparare per i nostri cari un menù rispettoso della stagionalità (per favore niente fragole e ciliege!) e senza crudeltà.
Questo mi ha ispirato per il menù che propongo alla cena di natale di A.Di.Ca. Onlus. Spero vorrete imitarmi e raccontarmi poi come è andata.

  • Share/Bookmark

Bad Behavior has blocked 45 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail